Focus su ricerca e tecnologia

Pur essendo un prodotto antico, lo Zafferano è continuamente fonte di scoperte e sorprese; allo stesso modo, l’esperienza nella sua coltivazione, fatta in Sardegna secondo tradizione, merita di essere studiata per capire a fondo l’origine ed i segreti di una qualità superiore.

La Fondazione anima un’intensa attività di ricerca scientifica per perseguire molteplici scopi:

  • capire a fondo le superiorità del prodotto sardo e tradurle in evidenze misurabili; sviluppare protocolli per la certificazione di qualità del prodotto che,  rispetto a quelli internazionalmente utilizzati, siano più idonei a classificare caratteristiche di eccellenza
  • studiare i vari effetti benefici per la salute e la nutrizione, ampiamente riconosciuti allo zafferano, ed aumentare la conoscenza in questa direzione; studiare la sua interazione con altri cibi, in ottica di alimento funzionale
  • ulteriormente migliorare, in modo naturale, sia le proprietà nutraceutiche che organolettiche del prodotto sardo, con particolare riferimento a quelle che già lo classificano come superiore
  • migliorare e perfezionare le tecniche di coltura, ancora per l’eccellenza del prodotto e per la soluzione di problemi specifici

A dimostrazione dell’importanza dell’attività scientifica va la composizione del Comitato Promotore, che racchiude in sé figure di elevatissima esperienza e prestigio in tutte le aree di ricerca presidiate, con solidi riferimenti accademici.

L’attività di ricerca è organizzata in tavoli di lavoro, coordinati da Ricercatori Senior scelti tra i soci Fondatori del Comitato ed i risultati vengono messi a disposizione sul sito della Fondazione e sui normali canali della pubblicazione scientifica.

Ancor più importante però le ricadute che i programmi di Ricerca possono avere per ‘economia dello Zafferano in Sardegna e per i coltivatori, essendo i risultati della ricerca immediatamente impiegati a vantaggio del territorio:

  • effetti sulla visibilità e promozione del prodotto sardo (anche in abbinamento alle attività della Fondazione sul fronte del marketing)
  • valorizzazione delle qualità superiori, azioni contro la falsificazione e per la certificazione dell’origine e della filiera
  • emissione di protocolli, nonché formazione ed attività scientifica di supporto ai coltivatori ed alle organizzazioni di coltivatori, per il miglioramento delle tecniche di coltura, l’aumento delle rese, il miglioramento della qualità e per la selezione dei bulbi

Come tutte le attività della Fondazione, anche la Ricerca viene svolta in ottica di completa apertura verso collaborazioni e contributi e nell’interesse dei coltivatori sardi. Ulteriori informazioni o proposte possono essere indirizzate alla Redazione o agli indirizzi dei singoli componenti del Comitato Promotore.