La contraffazione inibisce l’acquisto online di agroalimentare

Su Agricoltura Moderna si parla di contraffazione alimentare e di ecommerce.

Il commercio online è una grande risorsa per lo Zafferano e per le piccole aziende produttrici. Lo Zafferano di qualità è un prodotto costoso e mal si adatta alla Grande Distribuzione Organizzata; i piccoli produttori poi non hanno la forza, e nemmeno le quantità, per affrontare canali distributivi tradizionali.

Mediante internet invece è possibile aprire un negozio virtuale con costi molto bassi, raggiungere un gran numero di potenziali clienti, vendere in tutto il mondo. Ma non tutto è positivo!

Intanto, i costi possono in realtà aumentare molto quando si comincia a parlare di internazionalizzazione del sito, di campagne di promozione, di pubblicità, di attività marketing per far conoscere il marchio, ma il grande problema è il fenomeno della contraffazione, che genera concorrenza a basso costo e nel contempo diffidenza da parte del consumatore.

st949

Basta una semplice ricerca internet alla voce “Zafferano” per trovare tantissimi produttori, ognuno dei quali afferma che il suo prodotto è certificato, è il migliore, è bio etc etc con la conseguenza che il consumatore può scegliere di fidarsi, e compra qualunque cosa, o di non fidarsi e non comprare nulla. In entrambi i casi che ne esce penalizzato è il produttore di elevata qualità che, dovendo far fronte ad un costo in origine realmente elevato, non ha margini da spendere in pubblicità e promozione.

La Fondazione rappresenta una soluzione a questi problemi, accorpando su di sé i costi di una azione di marketing territoriale per la promozione internazionale dello Zafferano di Sardegna, a tutto beneficio dei piccoli produttori. Oltre a ciò, la Fondazione si candida a diventare garante presso i consumatori di quanto viene detto su internet in merito; infine studia e rende disponibili soluzioni tecnologiche per l’etichettatura, la tracciabilità, la prevenzione della contraffazione.

leggi l’articolo