Laboratorio Permanente

La definizione che meglio rappresenta ciò che la Fondazione vuole essere è “Un Laboratorio Permanente, sul territorio, aperto a tutti”; analizziamola spaccando la definizione nelle singole parole componenti:

  • Laboratorio: perché nasce per concepire e sperimentare tecnologie, soluzioni, formati, con una modalità di sperimentazione continua; concepire, implementare, sperimentare, valutare i risultati, migliorare
  • Permanente: perché insiste nel tempo, senza soluzione di continuità, a portare sul terreno le iniziative
  • Territorio: perché è ‘fisico’, all’aria aperta, in continuo contatto con gli operatori
  • Aperto: lavoriamo perché altri soggetti, interessati alle tecnologie ed alle soluzioni, si uniscano a noi proponendo programmi specifici, soluzioni innovative, campagne di sperimentazione; ci aspettiamo che vengano sul terreno insieme a noi per unire le forze

Gli ambiti di interesse sono diversificati; la Fondazione porta avanti programmi di Ricerca, Sviluppo e Sperimentazione non solo sulle tecnologie:

  • approcci per la valorizzazione, la promozione e la diffusione del Made in Italy
  • animazione spontanea di un territorio, “dal basso”
  • canali innovativi di vendita per prodotti ad alto valore aggiunto e con difficoltà di riconoscimento della qualità, in presenza di budget limitati
  • definizione e misura di parametri di qualità complessi ed articolati, a volte soggettivi o effimeri
  • attività continue e strutturate per il miglioramento delle colture
  • nuove tecnologie applicate all’agricoltura

Tutte queste attività partono dallo Zafferano, ma abbiamo un occhio continuo ai collegamenti ed alle ricadute in altri settori; lo Zafferano è il nostro “case history”, ma per tutte le tecnologie e gli approcci che vengono studiati e sperimentati la prima domanda è sempre: dove altro si può applicare?